Compagnia di Teatro di innovazione, sperimentazione, infanzia e gioventù
Seguici su Youtube

CONTOS DE FOGHILE

CONTOS DE FOGHILE copiadi Francesco Enna
regia di Pier Paolo Conconi

con: Stefano Chessa, Luisella Conti,
Nadia Imperio, Antonella Masala, Consuelo Pittalis

disegno luci Paolo Palitta
scenotescnica e fonica Michele Grandi
scene e costumi di Luisella Conti e Nadia Imperio

 

VIDEO PROMO

 

La trama
Ginò, principe viziato e prepotente, perde al gioco con il diavolo tutti i suoi infine, la propria vita. Ma il diavolo gli consente di riprendersi tutto quello perso, dandogli appuntamento dopo un anno, tre mesi, tre giorni e tre ore, alle Tre Fontane d’Oro.
Passato il tempo stabilito, Ginò si avvia all’appuntamento con il diavolo. Nel corso delle sue peripezie (rischia infatti di essere cotto al forno, bollito in un paiolo, sbranato da un altro diavolo che ricorda tanto Polifemo, eccetera…) incontrerà per strada l’Aquila, il Fico d’India, l’Acqua e il Fuoco, che gli faranno da guida, fino a sconfiggere il diavolo-orco e sposare la bellissima Columba.

La messa in scena
Lo spettacolo è nato da una ricerca sui modi e le occasioni della memoria orale in Sardegna, attraverso l’opera di Francesco Enna (autore di libri per ragazzi, di raccolte di fiabe popolari sarde) e il contatto diretto con i “contadores” (narratori) di alcuni centri dell’isola: in genere, anziani di grande capacità narrativa, custodi della memoria orale, che hanno permesso non solo di raccogliere fiabe, racconti, filastrocche e canti, ma anche di osservarne e assimilarne le tecniche espressive.
Questi anziani ci hanno parlato delle scansioni del lavoro nel passato durante la giornata e, soprattutto, ci hanno raccontato come certi lavori, essenziali nell’antica economia agro-pastorale, fossero l’occasione per esercitare l’arte del narrare, della poesia e del canto, e per tramandare religiosamente, da una generazione all’altra, le antiche storie esemplari della conservazione dei costumi di una cultura povera, semplice, ma sempre di alta moralità e bellezza.
Per questo motivo, nell’allestimento è stata data attenzione alle immagini di momenti di lavoro come la filatura, la cottura del pane e il lavaggio delle lenzuola con la lisciva, lavori che venivano svolti in quel regno misterioso della donna che è il focolare: fuoco rosso da cui scappano scintillando i diavolini, luogo di comunione con altre donne, le comari, con cui ripetere antichissime formule magiche apotropaiche.
Il più grosso nodo da sciogliere è stato quello della mediazione linguistica fra il sardo e l’italiano. Ne è risultato uno spettacolo in cui la lingua sarda si combina agevolmente con l’italiano attraverso l’utilizzo della filastrocca, dei giochi ritmici e del canto. Altri codici socio-antropologici trasmettono e caratterizzano la traduzione sarda definendone l’ambiente con la gestualità, gli arnesi di lavoro, i movimenti e il ritmo.

CONTOS DE FOGHILE, UNA SVOLTA NELLA NOSTRA RICERCA TEATRALE – di Pier Paolo Conconi

CONTOS DE FOGHILE, DAL FOCOLARE AL TEATRO di Franco Enna

SOS CONTOS DE FOGHILE DI FRANCESCO ENNA DEDICATO AI BAMBINI di Natalino Piras
(Il messaggero sardo 18.07.2005)

Foto di Piera Tirotto e Alberto Mancosu

cont3 _MG_5548 _MG_5552 IMG_5946 IMG_5948 IMG_5950 IMG_5957 IMG_5966 IMG_5968 IMG_5967 IMG_5970 IMG_5971 IMG_5976 IMG_5977 IMG_5981 IMG_5985 IMG_5994 IMG_5986 IMG_5998 IMG_6000 IMG_6002 IMG_6003 IMG_6007 IMG_6010 IMG_6017 IMG_6021 IMG_6029 IMG_6031 IMG_6037 IMG_6038 IMG_6054 IMG_6061 IMG_6062 IMG_6065 IMG_6069 IMG_6078 IMG_6081 IMG_6082 IMG_6091 IMG_6096 IMG_6098 IMG_6105 IMG_6117